Trasporto sostenibile: Di quali opzioni dispongono le aziende?

Contry road in the forest

Trasporto sostenibile: Di quali opzioni dispongono le aziende?

Perché è così importante ottenere il trasporto sostenibile? I consumatori danno molta importanza agli aspetti ambientali e di sostenibilità quando decidono di acquistare un bene. Vogliono sapere se un prodotto è conforme agli standard sociali e se è stato realizzato nel rispetto dell'ambiente. Ne consegue che le aziende cercano di ridurre sempre di più la loro impronta ecologica. Molte hanno adottato strategie di sostenibilità che contengono parole chiave come "zero emissioni", "positivo netto" o "sviluppo sostenibile": Non vogliono inquinare l'ambiente con la loro attività o hanno addirittura l’obiettivo di influire positivamente su ambiente e società. Sempre più aziende organizzano quindi la loro Supply Chain seguendo criteri di sostenibilità, fino all’esecuzione del trasporto dei loro beni. Ma, in pratica, quali opzioni hanno le aziende per realizzare il trasporto sostenibile?

Rendere sostenibile la consegna delle merci - ma come?

La logistica dei trasporti offre un notevole potenziale di riduzione dell'impronta ecologica. In generale, le aziende possono esercitare un'influenza positiva puntando su vie di approvvigionamento più brevi e fonti di rifornimento locali. Un altro fattore molto importante è adottare metodi di trasporto sostenibile. Specialmente per i trasporti a lungo raggio ricopre un ruolo molto importate il trasporto intermodale: la crescita del traffico ferroviario è da anni un’importate obiettivo della politica ambientale, ma chiaramente richiede un'infrastruttura funzionante. Per quanto riguarda le emissioni di CO2, in relazione alla capacità di trasporto, il trasporto via mare è considerato un mezzo di trasporto relativamente rispettoso dell'ambiente, ma comporta un forte consumo di olio combustibile da parte delle enormi navi mercantili e portacontainer mettendo a dura prova le risorse ambientali e aggiungendo rischi ecosistemici lungo le nostre coste.

La conseguenza è che gran parte di tutti i trasporti avviene ancora su strada. Qui ci sono ottime opportunità per espandere la mobilità elettrica e utilizzare autocarri a basse emissioni per rendere il trasporto più sostenibile. Le aziende possono influire positivamente sull’adozione di queste nuove tecnologie nel momento in cui scelgono i loro fornitori per i servizi di trasporto o quando devono rinnovare la loro flotta di proprietà.

Ci sono, però, tante altre opportunità per le aziende di fare scelte utili a rendere i propri trasporti più sostenibili e quindi di influenzare positivamente il loro impatto ambientale. Esse possono ridurre il consumo di combustibili fossili (gasolio/petrolio) e le emissioni di CO2 grazie a un migliore utilizzo degli automezzi, a una riduzione dei chilometri a vuoto e a tempi di attesa più brevi durante le operazioni di carico e scarico. I dati del settore illustrano quali potenziali risparmi sono ottenibili: il 20% dei trasporti internazionali e il 25% dei trasporti nazionali avvengono ancora senza carico!

(Fonte: Commissione Europea)

Come misurare l’indice di sostenibilità dei trasporti?

Ad oggi non esiste una chiara definizione scientifica su come misurare la sostenibilità di un trasporto. Le emissioni di CO2 generate da un trasporto sono spesso stimate in maniera approssimativa utilizzando la regola del consumo di carburante per chilometro percorso. Tuttavia, esiste anche la norma europea CEN-EN-16258, che fornisce una metodologia standardizzata per calcolare e dichiarare il consumo energetico e le emissioni di gas a effetto serra (GHG) per tutti i servizi di trasporto (merci, passeggeri o entrambi) sulla base di principi generali, definizioni, metodi di calcolo, regole di distribuzione e raccomandazioni sui dati.

Ad esempio, il Transporeon Transportation Cloud consente alle aziende di calcolare le emissioni di CO2 dei loro trasporti sulla base di questa norma UE. Il calcolo delle emissioni di anidride carbonica avviene sulla base dei chilometri percorsi giornalmente dai trasportatori per conto del cliente.

La digitalizzazione facilita il trasporto sostenibile

Affinché la logistica dei trasporti possa essere efficiente e sostenibile è necessario che vi sia il coordinamento ottimizzato tra le aziende dell’industria e manifatturiere, i rivenditori e i fornitori di servizi di trasporto. In altre parole, deve esserci una stretta collaborazione tra tutti gli attori, idealmente attraverso reti online, che consentono la comunicazione in tempo reale e offrono ai partecipanti la trasparenza completa di tutti i processi in corso. Le piattaforme logistiche digitali, come il Transporeon Transportation Cloud, offrono soluzioni per l’assegnazione dei trasporti, la gestione degli slot di scarico e/o scarico, i messaggi di stato e il monitoraggio in tempo reale dei trasporti in corso. Queste soluzioni offrono semplici procedure di coordinamento tra gli attori e la possibilità di scambiare informazioni in tempo reale e senza documenti cartacei attraverso una piattaforma digitale comune. Questo porta ad una continua ottimizzazione e semplificazione dei processi logistici di trasporto per tutte le parti coinvolte. Anche ambiente e persone ne traggono beneficio:

  • L’assegnazione elettronica dei trasporti riduce i viaggi a vuoto

Le aziende utilizzano piattaforme logistiche online per affidare le loro merci ai trasportatori. Esse hanno anche la possibilità di eseguire RFQ (richieste di quotazione) con un pool di vettori qualificati. I trasportatori che utilizzano questo metodo possono meglio pianificare i loro viaggi successivi e ridurre al minimo i viaggi a vuoto fino al 13%.

  • La gestione degli slot di scarico/carico riduce i tempi di d’attesa alle baie

La gestione degli slot di carico/scarico consente di pianificare le date di carico e scarico direttamente via internet. I trasportatori collegati alla piattaforma hanno a disposizione una griglia oraria nella quale si registrano presso l’azienda per una consegna o una presa. I trasportatori possono abbinare una o più consegne in un'unica prenotazione, il che aumenta l’efficienza per le attività di scarico/carico fino al 20% a seconda del cliente. La gestione del piazzale, il yard management, consente di guidare gli autisti durante il loro percorso all’interno dello stabilimento fino alle baie di carico. Queste ed altre funzionalità riducono i tempi medi di carico e scarico fino a 60 minuti. Il tempo di fermo macchina dei camion si riduce in media di 40 minuti.

  • Messaggi di stato e tracciabilità della merce in tempo reale per trasporti trasparenti

I messaggi di stato rendono più trasparente il processo di trasporto.  Con questi messaggi è possibile tracciare le merci senza soluzione di continuità e in tempo reale: dalla presa alla consegna al destinatario. Inoltre, è possibile segnalare eventuali ritardi in tempo reale. In questo modo si riducono ulteriormente i tempi di fermo macchina durante il processo di consegna. Meno traffico nell’area delle baie di carico significa meno consumo di carburante e meno emissioni di CO2.

  • Migliore equilibrio tra lavoro e vita privata per il personale di magazzino e gli autisti dei camion

La gestione degli slot temporali può migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti di tutte le aziende collegate a una piattaforma digitale basata sul web. Riduce la quantità di lavoro, gli straordinari e riduce lo stress sul posto di lavoro.

Il personale del magazzino acquisisce un maggiore controllo sui workflow logistici grazie all'assegnazione di precisi appuntamenti per la consegna e il ritiro delle merci. Invece di passare da frenetici orari di punta a orari di calma, un efficace sistema di gestione delle fasce orarie assicura un carico di lavoro distribuito uniformemente nell'arco della giornata, aumentando la sicurezza sul posto di lavoro e la soddisfazione dei dipendenti.

In particolare, sono gli autisti a beneficiare dei sistemi online per la gestione degli slot di carico/scarico. Sanno quando sono attesi per lo scarico o il carico merci e non dovranno più affrontare lunghe code in “stop and go”. Altri strumenti digitali garantiscono che i tempi di guida e di riposo siano chiaramente identificati e, soprattutto, un tachigrafo digitale registra come orario di lavoro tutti i chilometri realmente percorsi su strada. Per questo motivo, è meno probabile che gli autisti debbano fare straordinari e i trasportatori possono utilizzare tutti gli autisti e le flotte in modo più efficiente. Oltre ad essere più sostenibili, queste soluzioni digitali forniscono risposte indispensabili alla crescente penuria di autisti e alla diminuzione delle capacità di trasporto merci in Europa.

Iscriviti alla Newsletter.