Gestione dei big data di tender logistici per l'allocazione trasporti

Motorway junction of a large city

Chi pensa che in linea di principio il tema dei Big Data sia rilevante solo per il commercio e l’industria, si sbaglia. E’ pur vero che sono stati proprio i commercianti e numerose imprese di produzione a rendersi rapidamente conto del potenziale (in termini di fatturato) racchiuso nell’analisi, nella valutazione e nella previsione del comportamento dei clienti finali. Proprio per questo cercano di rivolgersi ai clienti in maniera sempre più mirata e di proporre prodotti e offerte personalizzati. Ma, anche nel settore B2B e nella logistica dei trasporti ci troviamo davanti a un’enorme mole di dati da gestire. La capacità di raccogliere, analizzare, interpretare e rendere disponibili i big data dei tender logistici per tutte le parti e i fornitori di servizi coinvolti nella catena di trasporto tra azienda e destinatario diventerà presto il criterio decisivo per il successo di chi opera nella logistica dei trasporti.

Sfruttare i Big Data della logistica significa assicurarsi un vantaggio competitivo

Chi non è in grado di gestire i dati all'interno della propria catena di trasporto perderà terreno nei confronti della concorrenza. Da un lato, questo vale per le aziende i cui i clienti esigono sempre di più la trasparenza dei dati. Dall’altro, vale a maggior ragione per i trasportatori a cui si richiede tutto ciò e che necessitano di un maggiore potenziale di razionalizzazione e di incremento dell’efficienza nei propri processi, al fine di poter resistere alla forte concorrenza negli ambiti con margini minimi.

Per l’azienda, la creazione di una catena di fornitura implica innanzitutto il reperimento di partner di trasporto adeguati e la creazione di una rete di trasporti che soddisfi le sue esigenze in termini di qualità ed efficienza. Ormai è finita l’epoca in cui i responsabili della logistica di trasporto potevano dire: “Noi conosciamo i nostri trasportatori interni, ora raccogliamo le varie offerte e vediamo un po’ cosa troviamo”. Non è più pensabile prescindere dall'esecuzioni di tender logistici se si vuole ottenere una Logistica 4.0.

Grazie ai tender logistici elettronici abbiamo a disposizione una quantità maggiore d’informazioni

Oggi, gli Uffici Acquisti vogliono essere coinvolti ed esigono, oltre a direttive adeguate in materia di Compliance, un processo con tender logistici trasparenti e completi. Inoltre, qualsiasi professionista della logistica è consapevole del seguente principio: maggiore è la precisione con cui descrivo e definisco le prestazioni che mi aspetto dai miei partner, maggiore sarà la qualità del risultato finale.

A tale proposito, le piattaforme di tendering come Ticontract offrono un vantaggio decisivo. Le aziende non hanno solamente l’opportunità di attingere da un vastissimo pool di fornitori di servizi di trasporto prequalificati, ma hanno anche la possibilità di verificare la rispondenza di un fornitore di servizi alle proprie esigenze individuali, in base ai criteri più svariati. Per esempio, quali itinerari percorre, che tipo di attrezzature utilizza, quali certificazioni possiede oppure quali capacità di trasporto può mettere a disposizione.

Risiede nella natura del sistema che con un tender elettronico l’azienda diventa possibile includere un numero sensibilmente maggiore di fornitori di servizi.

Al tempo stesso il sistema consente di generare un qualsiasi numero di campi per il tendering, in cui l’azienda andrà a inserire informazioni relative a ordini di trasporto effettivi, informazioni sulla spedizione, indicazioni delle quantità, istruzioni relative a orari e itinerari, e naturalmente costi.

Da qui scaturiscono spesso matrici di tendering molto articolate, contenenti numerosi campi di prezzo rilevanti. Si pensi ad esempio a un tender per un trasporto via mare con fasi preliminari, fasi principali e fasi finali, oppure a un tender avente come oggetto lotti con numerose fasce di peso. Considerando il numero elevato di trasportatori che prendono parte al tender, è chiaro che in questo caso si può parlare a pieno titolo di “Big Data”: i tender logistici supportati dal sistema tramite una piattaforma online consentono di ottenere un livello di dettaglio che fino a qualche anno fa sarebbe stato impensabile.

Ci troviamo di fronte a una quantità enorme di informazioni rilevanti e siamo in grado di gestirla

In passato, la stessa quantità di informazioni che oggi è possibile analizzare, confrontare e valutare in tempi brevissimi veniva raccolta in fogli Excel, con un livello di completezza incomparabilmente minore e tempi di elaborazione di diverse settimane. Anche qui entra in gioco il supporto della piattaforma.

La mole di dati è aumentata, ma ciò nonostante è diventata gestibile. Questo vale anche per le imprese che lavorano su scala internazionale e che intendono armonizzare la propria logistica in diversi paesi e business unit.

Per conoscere aziende che già utilizzano sistemi per gestire elettronicamente i loro tender logistici visita la pagina Referenze Ticontract.

Iscriviti alla Newsletter.